Che fatica essere felici!

Che fatica essere felici!

 

Che fatica essere felici. Che fatica essere in salute. Che fatica essere in forma. Che fatica...

ci avete mai pensato?
Io ci ho pensato vedendo questa bellissima conferenza dove una mamma racconta che noi nasciamo con la capacità di scegliere le cose giuste per noi, le cose che ci rendono felici. E' una questione di istinto.

Mano mano che cresciamo, il condizionamento di chi ci sta intorno, l'abitudine degli altri a scegliere per noi, sopisce questo istinto.

Chi sceglie per noi? Mamma, papà, la scuola... tutti coloro che anziché aiutarci a tenere allenata la nostra capacità istintiva di scegliere quello che ci fa felici, quello che ci rende sani, chiedendo “cosa vuoi fare? Cosa vuoi mangiare? Di cosa hai bisogno?” ci dicono invece: “oggi si fa questo. Oggi si mangia quello. Oggi hai bisogno di fare quest'altro”.

Così piano piano, ma inesorabilmente smettiamo di sentire di cosa abbiamo realmente bisogno, sin da piccoli. Sia di cosa abbiamo bisogno di mangiare, sia di fare.... le nostre priorità non sono più quelle che ci garantiscono salute e felicità così come il corpo istintivamente ci saprebbe dire, ma quelle che secondo un sentire comune, dovrebbero essere.
Il corpo non parla più, se non per il fatto che ci sentiamo stressati, non felici, pieni di acciacchi.

Come ci riappropriamo dell'istinto che ci guida verso ciò che ci rende sani e felici? Ricominciando a chiederci: “cosa voglio io?”.

Non siamo soli, siamo fatti di energia, della stessa energia che si materializza in un divano, in un cellulare, nel nostro gatto, nei nostri bambini. Dunque siamo un tutt'uno con ciò che ci circonda. Quindi la prima cosa da fare è aiutare chi ci è più vicino ad essere felice, perché l'energia ci coinvolge tutti.

Come aiuto i miei figli a riappropriarsi del proprio istinto di sapere ciò che vogliono?

Provate a chiedere loro “cosa vuoi mangiare oggi?” “cosa vorresti fare oggi per essere felice?” , provate a farlo per 1 settimana.... disastro vero?
La scommessa è che faranno molta fatica a dirvelo, soprattutto all'inizio, non sapranno esattamente cosa vogliono. Rieducarsi ad ascoltarsi per scegliere non è immediato. E voi?
Se avete 2 -3 figli vi ritroverete con 2 -3 opzioni diverse di cibo, di attività.... come ve la caverete?

...ce la caviamo smantellando le “verità” che abbiamo scolpito a pietra dentro di noi: si mangia tutti a tavola seduti, tutti la stessa cosa, tutti alla stessa ora...

AAAAAAAAArghhhh!!!!!!

E' lì che mi sono detta “che fatica la felicità!” ma anche tutto il resto...

Perché è vero che conciliare il bisogno dei propri spazi (ehi il mio istinto mi dice che ne ho assolutamente bisogno) con le esigenze di una famiglia numerosa spesso prevede la misura di appiattire le esigenze specifiche di ognuno. Ma ho anche preso coscienza del fatto che contribuire a sopire la capacità dei miei figli, e non risvegliare la mia, di sapere di cosa ho realmente bisogno nel corpo e nello spirito è davvero una cosa grande.

Non vi assicuro che ce la posso fare ad ascoltare i miei figli così a fondo e così spesso, e anche me stessa, ma quantomeno voglio provarci e soprattutto voglio smantellare l'idea per cui “non va bene” trattarli come fossero al ristorante o lasciare a loro ogni iniziativa, dargli sempre una possibilità di scelta...

Tante cose nella vita sono costose e faticose, ma il compenso che ne ricevi supera la fatica. Una di queste sono proprio i figli: fare la mamma è difficile e sfiancante, ma non lo cambierei mai con il non avere figli.
Fare sport è faticoso, ma il benessere che ti dà ti fa sentire che ne valeva la pena... a volte è così anche fare l'amore.

Chissà, magari questa storia dell'educare loro a sentire di cosa hanno bisogno e assencondarli potrebbe risultare allo stesso modo. E poi anche io voglio cominciare a chiedermi “di cosa ho bisogno per essere felice?” e mi voglio assencondare di più!

Ci vogliamo provare tutti insieme?

Immagine: Jose Maria Cuellar su Flikr

Barbara Siliquini

Da single impenitente, affamata di vita, girovaga del mondo, donna in carriera, sono diventata una mamma allattona, spesso alternativa e innamorata del grande universo della nascita dolce, dell'alto contatto, della vita consapevole. Così è nato GenitoriChannel, per condividere con tutti: i dubbi nell'essere genitori, le scoperte, l'idea del rispetto come primo valore della genitorialità, i trucchi per vivere il quotidiano con leggerezza e con consapevolezza.

Articoli correlati (da tag)

  • Mamma, guarda cosa so fare! Mamma, guarda cosa so fare!

     Lo sguardo di una mamma su questa frase classica: "mamma guarda cosa so fare!"

  • Perchè ai bambini non servono regole Perchè ai bambini non servono regole

    Limiti e regole non sono così importanti senza la legge delll'amore

  • I segreti delle coppie felici I segreti delle coppie felici

    Amore che finisce, amore che cresce e si trasforma. Comprendere ciò che dà forza e ciò che indebolisce le relazioni

    I genitori, donna e uomo, sono prima di tutto una coppia

  • La comunicazione assertiva con i figli La comunicazione assertiva con i figli

    Come comunicare con i figli in modo efficace: le tecniche di comunicazione assertiva.
    L’assertività è la capacità di difendere i propri diritti quando necessario e di esprimere i propri sentimenti con coerenza e lealtà. È uno stile comunicativo e di relazione che porta ad un incremento della propria autostima.
    Nasce dall’armonia tra abilità sociali, emozioni e razionalità, senza modificare la personalità del soggetto.Chi adotta un comportamento assertivo tende a collaborare con gli altri, stabilendo relazioni paritarie.

  • Essere Genitori Felici: 7° chakra - la Corona Essere Genitori Felici: 7° chakra - la Corona

    Ci si sceglie nell'amore e con amore si trasforma. Per creare ancora più amore. 

    Per questo ultimo chakra vi dono e mi affido alla Canzone dello spirito, estratto dal libro A path with heart di J.Kornifield.
    Vale più di mille mie parole. Per me é bellissima.
    Solo un'ultimissima cosa: noi scegliamo i nostri bambini e loro scelgono noi.
    Ricordiamolo sempre.

    LA CANZONE DELLO SPIRITO

    C’è una tribù in Africa Orientale in cui l’arte dell’unione profonda (intimità) è nutrita anche prima della nascita. In questa tribù la data di nascita di un figlio non è il giorno effettivo della sua nascita né il giorno del concepimento, come in altri villaggi.

Aggiungi commento


Iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.